Roma, tutti sotto esame Ribaltone senza Champions

Il centravanti della Roma Edin Dzeko, 32 anni. LaPresse

Il centravanti della Roma Edin Dzeko, 32 anni. LaPresse

‘); }

Arrabbiato venerdì e sabato con la sua squadra, più sereno oggi, anche se comunque fermo nei toni e nei contenuti, con la pretesa di allenamenti intensi e senza quelle distrazioni che tanto lo hanno fatto infuriare . Eusebio Di Francesco e la Roma hanno ripreso oggi ad allenarsi dopo il k.o. interno contro la Fiorentina, in vista del (proibitivo) ritorno contro il Barcellona di martedì sera e a strappare un sorriso al tecnico della Roma ci ha pensato un ex romanista, Adem Ljajic, che ha fermato l’Inter lasciando i giallorossi al terzo posto, vitale per il futuro del club.

sotto esame — Talmente importante la qualificazione alla Champions che i giocatori sono adesso sotto esame fino al termine della stagione, perché senza Champions League sarà rifondazione totale. Viceversa, Di Francesco resterà saldo al timone (perché arrivare tra le prime otto d’Europa è un ottimo risultato, dopo dieci anni), ma in ogni caso saranno molti i giocatori su cui il club farà valutazioni importanti e la rivoluzione, anche se parziale, ci sarà. La sesta sconfitta casalinga, sette considerando la Coppa Italia, ha fatto capire ancora una volta come all’Olimpico i calciatori soffrano di più la pressione e per una società che vuole crescere questo non è accettabile.


flop — Società che però ha sbagliato, e molto, sul mercato. La formazione base ha due soli nuovi innesti che hanno reso bene (Ünder da febbraio e Kolarov da inizio anno, costretto a giocare sempre), per il resto Moreno è già andato via, Gonalons è quasi sempre tra i peggiori, Defrel e Schick sono fermi ad un gol a testa, e Karsdorp si è rotto il crociato alla prima partita (dopo essere arrivato a Trigoria infortunato). Per non parlare del rinforzo di gennaio, Jonathan Silva, mai visto. Anche in questo caso saranno fatte valutazioni importanti e sarà il campionato ad emettere i suoi giudizi.

verso il barça — La Champions era e resta un sogno, a meno di miracoli che nessuno oggi può immaginare. Per provarci, davanti a un Olimpico sold out, Di Francesco prova a recuperare Ünder che si è allenato con i compagni. Niente da fare, invece, per Perotti, alle prese con un problema al polpaccio. Proverà ad esserci per il derby, a questo punto una delle partite più importanti dell’anno. E non solo per la supremazia cittadina.

 Chiara Zucchelli 

© riproduzione riservata