Roman Polanski dirigerà il giallo J’Accuse con protagonista Jean Dujardin

Roman Polanski inizierà il prossimo anno a Parigi le riprese del suo nuovo film J’Accuse, basato sul famoso Caso Dreyfus che sconvolse l’opinione pubblica francese alla fine del XIX Secolo. Protagonista del film sarà l’attore transalpino Jean Dujardin

Il thriller di spionaggio vedrà dunque riportata sul grande schermo la vicenda del Capitano Alfred Dreyfus, un soldato francese di origine ebrea accusato ingiustamente di essere una spia al servizio dei tedeschi. Dujardin interpreterà l’agente del controspionaggio che alla fine provò l’innocenza di Dreyfus. La parte dell’uomo ingiustamente accusato è andata invece a Louis Garrel. Nel cast reciteranno anche Olivier Gourmet e Emmanuelle Seigner, moglie di Polanski. 

La sceneggiatura del film, a cui Polanski sta lavorando da sei anni e che prima era intitolato The Dreyfus Affair (doveva infatti girarlo originariamente in inglese), è stata scritta dallo scrittore Robert Harris, che ha già collaborato con il cineasta a The Ghost Writer. Il nuovo titolo del film proviene dalla famosa apertura della lettera di Emile Zola spedita al governo francese in difesa di Dreyfus.

In piena epoca #MeToo, per Polanski dirigere un film sulla persecuzione ottusa e arbitraria di un innocente potrebbe contenere un significato molto più contemporaneo della semplice ricostruzione storica. Ricordiamo che nel 1977 il cineasta è stato incriminato per lo stupro della tredicenne Samantha Geimer, accusa di cui si è dichiarato colpevole. Questo nuovo progetto quasi sicuramente diventerà uno dei più discussi del prossimo futuro.