Rossi: “È preoccupante Migliorano tutti tranne noi”

Valentino Rossi in azione ad Aragon. Epa

Valentino Rossi in azione ad Aragon. Epa

‘); }

“Questo è il nostro potenziale al momento. Considerando che sono caduti Lorenzo, Crutchlow e anche Bautista probabilmente avremmo fatto fatica a entrare nei primi 10. E questo è abbastanza preoccupante”. Lo ha detto Valentino Rossi ai microfoni di Sky Sport commentando l’ottavo posto raccolto nel GP d’Aragon. “Ieri è stata la giornata più difficile del weekend, abbiamo fatto delle modifiche ma facevo ancora più fatica e mi sono un po’ rassegnato – ha raccontato il pilota della Yamaha – è stato un errore, se avessi continuato a fare meglio il mio lavoro magari riuscivo a partire una fila davanti e oggi arrivare uno o due posizioni davanti”.

vie d’uscita — La crisi tecnica della Yamaha è evidente, Rossi non vede al momento vie d’uscita semplici: “Non è difficile lavorare, ma bisogna fare le cose giuste. Siamo in difficoltà, dalla Ducati c’è un secondo e mezzo a giro di distacco, un’enormità. La moto è questa da un po’ di tempo e questa è la cosa più preoccupante, invece gli altri hanno fatto un grande step. La Suzuki, la Honda, la Ducati e oggi è andata forte anche l’Aprilia”.


ultime gare — In vista delle ultime gare Rossi ha ammesso che “possiamo lavorare sull’elettronica, qui qualcosa mi ha aiutato alla fine a tenere un passo più costante – ha concluso – questa era una delle piste più difficili dell’anno, in Thailandia sarà difficile, nei test siamo andati abbastanza male, anche se Zarco era andato forte a inizio anno. Motegi mi piace molto, poi bisogna vedere il tempo, in Australia sull’asciutto potremmo anche essere competitivi. In Malesia non lo so, a Valencia sarà difficile. Poi bisogna anche capire cosa si intende per essere competitivi”.

 Gasport 

© riproduzione riservata