San Paolo in vendita? De Magistris ci pensa

Saranno sicuramente in più di 40mila domenica al San Paolo per Napoli-Chievo. Prezzi bassi, orario pomeridiano e previsioni del tempo incoraggianti. Dunque, buona cornice di pubblico per un match nel quale gli azzurri di Sarri sono chiamati a tornare al successo dopo il pari in casa del Sassuolo. Ci sono però delle novità importanti per quanto concerne l’impianto di Fuorigrotta, da anni ormai al centro di estenuanti polemiche e che nel 2019 sarà comunque teatro della cerimonia di apertura e di chiusura delle Universiadi (ospitando per altro alcune discipline della kermesse).

‘); }

Il sindaco De Magistris insieme ad Aurelio De Laurentiis al San Paolo. Ansa

Il sindaco De Magistris insieme ad Aurelio De Laurentiis al San Paolo. Ansa

APERTURA — Il sindaco De Magistris ha infatti aperto, per la prima volta, ad una possibile dismissione del San Paolo dal patrimonio dei beni comunali: “Sono contrario ad una cessione dello stadio San Paolo, tanto che abbiamo escluso questa ipotesi in sede di bilancio. Ma se arrivasse un’offerta valida la prenderemmo in considerazione e probabilmente farei un referendum consultivo in città: se la maggioranza dei napoletani dovesse essere favorevole alla cessione ad un prezzo dignitoso potrei anche pensarci – ha detto De Magistris nel corso di un’intervista rilasciata a Mattina 9, in onda sull’emittente Canale 9. Personalmente credo che lo stadio vada riqualificato e ristrutturato così come già stiamo facendo e che una struttura come il San Paolo non valga meno di 50 milioni di euro. Se dovesse venire De Laurentiis o qualcun altro con una cifra congrua non la riterremmo una follia, non è certo il Maschio Angioino o Castel dell’Ovo per i quali direi certamente di no. Resto contrario perché vogliamo sia lo stadio della città – ha concluso il sindaco – ma non è impensabile”. Dunque, De Magistris ha fissato anche il prezzo, fermo restando che poi il San Paolo necessiterebbe comunque di una profonda ristrutturazione. A De Laurentiis adesso, nell’eventualità sia interessato, la prossima mossa.


 Gianluca Monti  

© riproduzione riservata