Spalletti contro la sfortuna “Oggi neanche coi cannoni”

Luciano Spalletti, solo pochi giorni fa aveva dichiarato che per la sua Inter era stata trovata la cura. Ma contro il Torino ecco un altro stop. E questa volta il tecnico nerazzurro se la prende con la sorte: “Ci sono dei momenti in cui non va neanche se la palla la pigi, non entra nemmeno con le cannonate – afferma ai microfoni di Sky Sport – Abbiamo avuto però meno pulizia nella circolazione della palla e dovevamo gestire meglio, invece abbiamo subito qualche ripartenza di troppo che ci ha costretto a sprecare energie. Seconda occasione buttata via dopo il derby? Ci sono gli avversari, non è facile quando le cose non vanno bene”.

‘); }

Luciano Spalletti, 59 anni.

Luciano Spalletti, 59 anni.

rafinha e mazzarri — Il tecnico toscano spiega i motivi della scelta di tenere in panchina Rafinha. “Dico che ognuno può dire quello che gli pare – aggiunge -Viene da due anni in cui non gioca e in questa settimana c’erano tre partite. Mercoledì mi era parso in debito di fiato, e allora l’ho messo quando contava di più. Poi ognuno può dire ciò che vuole sulle scelte. Il siparietto con Mazzarri? Lui è uno che ha sempre timore anche quando vince, e gli ho detto che aveva vinto e basta. Era lì con quella puntina… gli ho detto: ‘Se vuoi darmi la mano, dammela’. Non sono io che incuto timore. Borja ha giocato perché stava bene ed era entrato bene nell’ultima gara. Oggi ha fatto bene, tanti metri e tante aggressioni, che magari gli hanno fatto perdere lucidità. Ha equilibrio, soprattutto ora che ha recuperato le forze”.


 Gasport 

© riproduzione riservata