Spalletti: “Icardi senza gol? A volte deve pure aiutare…”

Luciano Spalletti, 59 anni, tecnico dell'Inter. LaPresse

Luciano Spalletti, 59 anni, tecnico dell’Inter. LaPresse

‘); }

Un’altra notte in bianco: l’Inter di Luciano Spalletti non segna più e non vince più. Dopo lo 0-0 nel derby, con Torino e Atalanta è arrivato un punto in due partite ma l’allenatore nerazzurro non vede particolari problemi in avanti dopo il pareggio in casa dei bergamaschi. “Secondo me non c’è un problema in attacco – spiega Spalletti a Premium Sport -, per quello che si è visto stasera non direi. Queste sono gare in cui devi palleggiare, in cui devi giocare con la palla addosso e attaccare gli spazi dopo degli scambi sulla trequarti. Voi guardate solo se Icardi e Perisic non segnano ma abbiamo creato e siamo stati in partita fino all’ultimo in un campo difficilissimo. Mauro non ha fatto gol ma è un problema vostro, la squadra ha creato quattro palle gol pulite su questo campo, poi ognuno legge i dati che vuole. Palla addosso alla punta, appoggio e da lì si costruisce: come del resto ha fatto l’Atalanta”.

l’analisi — “Nel primo tempo siamo stati troppo sporchi a palla recuperata e non siamo riusciti a creare gli spazi giusti – prosegue Spalletti -, ma nella ripresa siamo cresciuti, anche perché abbiamo costruito in trequarti e siamo stati più pericolosi. Abbiamo tirato nello specchio solo due volte? Ok, ma abbiamo tirato fuori soli davanti al portiere almeno tre volte…”.


rafinha stanco — Spalletti insiste sulla buona ripresa giocata dai suoi: “Abbiamo giocato la partita che dovevamo fare, tre o quattro occasioni ce le siamo create belle pulite. Il cambio Rafinha-Eder? L’ho visto stanco, anche nel finale del primo tempo. Cosa ci siamo detti io e De Roon a fine gara? Gli ho detto che lui non può dirmi di mettermi a sedere…”.

 Gasport 

© riproduzione riservata