“Suning come Moratti Fiducia nei nostri giovani”

Piero Ausilio, ds dell'Inter. Getty Images

Piero Ausilio, ds dell’Inter. Getty Images

‘); }

La scelta dei migliori talenti, la ricerca dei più grandi allenatori e la valorizzazione delle strutture. Il direttore sportivo dell’Inter, Piero Ausilio, gonfia il petto quando si parla di settore giovanile nerazzurro e ai microfoni di ‘Inter Tv ribadisce con orgoglio quanto il club tenga alla crescita dei propri giovani: “La crescita di un ragazzo passa attraverso il confronto, come allenarsi durante la settimana con i compagni. -spiega -. Si dice sempre che allenarsi con quelli bravi aiuta a migliorarsi, perché la qualità è più alta e si possono rubare segreti. E’ un modo per arricchire sia il bagaglio tecnico che quello mentale”.

suning come moratti — Un processo partito da Moratti, passato per Thohir e ora portato avanti da Suning: “All’Inter il rapporto tra i giovani e la società è stato basato sull’esperienza, il nostro club crede molto nel settore giovanile -sottolinea ancora Ausilio -. Un lavoro partito dalla gestione Moratti e sviluppatosi attraverso gli investimenti, la scelta dei calciatori, la valorizzazione delle strutture, la ricerca dei migliori allenatori e del miglior management per il settore giovanile, che ha sempre caratterizzato il lavoro dell’Inter da Moratti a Thohir e oggi con Suning. E’ doveroso crederci, visti i risultati del settore giovanile sia sul campo sia nella scoperta di calciatori. Molti di loro che hanno avuto la fortuna di crescere qui, oggi possono essere protagonisti sia in Italia sia all’estero“.


 Gasport 

© riproduzione riservata