Totti-Spalletti, rissa sfiorata “A Bergamo ci separarono”

Francesco Totti e Luciano Spalletti nel 2016. Ansa

Francesco Totti e Luciano Spalletti nel 2016. Ansa

‘); }

Stasera festeggerà i 42 anni e l’uscita della sua biografia con una serata per 300 invitati al Colosseo. Ha chiamato i campioni d’Italia del 2001 e quelli del mondo del 2006, oltre a tanti ex compagni e allenatori. Ma Francesco Totti non ha invitato Luciano Spalletti. Troppo tesi i rapporti con l’attuale allenatore dell’Inter, come Totti mette nero su bianco nel suo libro. Partendo da quanto successo prima di Roma – Palermo, febbraio 2016: “Tu ormai sei come gli altri, dimenticati di essere insostituibile – le parole di Spalletti -. Hai sbagliato e adesso vai a casa”. L’allora numero dieci rispose: “Vigliacco, adesso che non ti servo più mi rompi il ca…?. Hai una missione, portala a termine”.

FACCIA A FACCIA — I due continuarono a non avere rapporti, fino a quando a Bergamo, ad aprile del 2016, arrivano quasi alle mani nello spogliatoio, urlando così tanto che la discussione venne fuori perché i giocatori dell’Atalanta sentirono tutto: “Trovo la faccia di Spalletti a un centimetro dalla mia. Mi aspettava: “Basta, hai rotto le palle, pretendi di comandare e invece te ne dovresti andare, giochi a carte malgrado i miei divieti, hai chiuso”. Il tutto gridato al massimo volume. È l’ultimo litigio tra me e Spalletti, nel senso che perdo le staffe anch’io e ci devono separare in quattro perché altrimenti ce le daremmo di santa ragione”. La partita finì 3-3: Totti entrò a 13 minuti dalla fine e segnò il gol del pareggio con un destro dal limite su assist di Florenzi. Un gesto tecnico commentato da Spalletti con freddezza: “La partita l’ha raddrizzata la squadra, Totti ha fatto il gol. Lui ha calciato in porta come l’altra volta ha dato un pallone: se ne dava tre, facevamo tre gol. Dal punto di vista giornalistico e di sentimenti, ci fa piacere questa attenzione, ma è sempre la squadra che raddrizza. Mai un giocatore”.


VERSO IL DERBY — Non ci sarà Spalletti stasera, ci sarà Di Francesco, con la testa alla sfida contro la Lazio di sabato. Il tecnico contro il Frosinone ha ritrovato alcune giocate della sua Roma e quindi contro la squadra di Inzaghi riproporrà modulo e uomini della partita di ieri. Con due soli cambi: Florenzi a destra e Dzeko al centro. Il modulo sarà ancora il 4-2-3-1. Presente, infine, anche Umberto Gandini, che dal primo ottobre non sarà più, dopo due anni, l’amministratore delegato della Roma.

 Chiara Zucchelli 

© riproduzione riservata