Tris Calaiò e il Parma vola Palermo, rimonta tardiva

Decisivo. Letale. Mortifero. Emanuele Calaiò, con la sua tripletta, regala un successo prestigioso al Parma di D’Aversa: il 3-2 sul Palermo offre agli emiliani l’occasione di vivere la parte finale della stagione con l’ambizione di raggiungere la qualificazione diretta in Serie A. Il prossimo turno di campionato, infatti, vede i crociati impegnati in un’altro scontro-verità, questa volta contro il Frosinone seconda forza del campionato. Per i siciliani, usciti sconfitti dallo stadio Tardini, un’occasione persa: il successo li avrebbe catapultati alle spalle dell’Empoli capolista.

‘); }

Emanuele Calaiò, una tripletta per lui contro il Palermo. Getty Images

Emanuele Calaiò, una tripletta per lui contro il Palermo. Getty Images

dubbi e rincorsa — Gli ospiti iniziano la gara con la giusta determinazione, facilitati anche da qualche errore di troppo da parte della retroguardia di casa: la protesta dei rosanero per un contrasto Lucarelli-Nestorovski in area è veemente ma l’arbitro Marinelli non ritiene necessario fischiare il calcio di rigore. È il momento in cui cambia il match: gli emiliani prendono coraggio e Calaiò diventa protagonista. Capitan Lucarelli di testa appoggia per l’arcere che, di controbalzo, supera Pomini. Otto minuti e l’attaccante chiude la partita. Rajkovic atterra Munari in area e, questa volta, l’arbitro non ha dubbi. Rigore. L’attaccante nato a Palermo non sbaglia e il Parma raddoppia.


Roberto D'Aversa, allenatore del Parma Calcio 1913. Getty Images

Roberto D’Aversa, allenatore del Parma Calcio 1913. Getty Images

esaltazione e sofferenza — Nella ripresa ci si aspetta la reazione degli ospiti ma sono ancora gli uomini di D’Aversa a colpire. Passano solo due minuti ed è nuovamente Calaiò a far esplodere lo stadio: per un centravanti glaciale come lui è un gioco da ragazzi freddare l’estremo difensore del Palermo su assist di Dezi. A questo punto si spegne la luce in casa Parma e gli ospiti cambiano marcia. Una reazione tardiva che porta Nestorovski a segnare la rete del 3-1 (su assist di Jajalo) e Rajkovic ad avvicinare ulteriormente gli ospiti nei minuti di recupero. Ma è troppo tardi: il Parma vince, convince e continua la sua risalita. Il Palermo cade dopo oltre un mese e mezzo (ultima sconfitta datata 17 febbraio a Perugia). Sarà pronto a rialzarsi giàsabato contro il Pescara?

 Pietro Razzini 

© riproduzione riservata