Verstappen: “Hamilton mi attacca? Sono il giovane…”

Max Verstappen nel paddock di Shanghai. Getty

Max Verstappen nel paddock di Shanghai. Getty

‘); }

“Non vedo l’ora di ripartire da qui. La macchina è molto veloce soprattutto durante la gara. In prova perdiamo qualcosa come velocità di punta, ma alla vigilia dell’ultima gara era fiducioso di poter recuperare posizioni”. Lo ha dichiarato Max Verstappen, nel corso della conferenza ufficiale che precede la tre giorni del GP di Cina, in programma da domani a Shanghai.

foratura — Il pilota della Red Bull, che aveva iniziato la stagione in Australia con un sesto posto, è stato costretto al ritiro in Bahrain dopo una foratura a seguito della lotta per un sorpasso su Hamilton. «Se ho rivisto? Ero in auto, l’incidente l’ho visto da lì, ma sono le gare. Si può dire quello che si vuole, credo sia stato un normale incidente, nulla di troppo rischioso, purtroppo non è andato bene per me”.


colpa — Verstappen aggiunge di non aver parlato con Hamilton (che ha espresso parole di forte dissenso sul collega, dandogli via radio anche del “Testa di c….), che sarebbe disposto a farlo se fosse necessario anche se “è semplice dare la colpa al pilota più giovane”. Niente cambio di stile, però. “Ma perché dovrei cambiare? Ho cercato di superare una macchina, era un rischio calcolato da parte mia, come l’altra volta in Messico in cui è andata bene. Non capisco tutto questo interesse, sono incidenti che capitano in gara”. E sulle sue ambizioni ha aggiunto:”È sempre importante andare a punti, quello è l’obiettivo. Siamo qui per andare sul podio o vincere le gare”.

 Gasport 

© riproduzione riservata