Vettel: “Gli errori capitano Ma i conti si fanno alla fine”

“Gli errori capitano, ma non sono preoccupato”. Sebastian Vettel volta pagina. L’errore al via in Francia è stato pesante, la testa della classifica è volata nelle mani di Lewis Hamilton e il tedesco della Ferrari ha di nuovo dato impressione di vulnerabilità. Ma c’è già l’Austria su cui avventarsi, dimenticando Le Castellet. E il quattro volte iridato ci prova.

‘); }

al limite — “Certo ci sono errori che non andrebbero commessi e altri errori che capitano – ha detto oggi a Zeltweg il tedesco – dipenda dal tipo di errore. Io ho fatto tante gare e succedono, cerco di minimizzarli, ma non mi preoccupo, non credo ci sia qualcosa di totalmente sbagliato. Gli errori non fanno mai parte di quanto si pianifica, per nessuno, ma può capitare che accadano perché il cammino è lungo e perché si è sempre alla ricerca del limite”.


è il bello — C’è una Mercedes da attaccare subito e i conti si faranno alla fine: “Purtroppo a Le Castellet ho cercato di chiudere il gap – ha detto ancora Seb – ci ho provato e non ha funzionato, a volte funziona, a volte no. Si cerca di essere perfetti fino alla fine della stagione e che non vada storto niente, è normale, fa anche parte del bello di questo sport. Vediamo dove finiremo alla fine della stagione”.

 Gasport 

© riproduzione riservata