Vettel: “Mai stati in lotta” Hamilton: “Nulla di meglio”

Per Vettel è febbre a (meno) 40 dopo la deludente gara di Singapore chiusa al terzo posto. “Siamo stati fuori dalla lotta, non avevamo il passo gara e non eravamo veloci – ha detto il tedesco a caldo -. Ho provato a essere aggressivo all’inizio e non ha funzionato, poi ho cercato una tattica diversa dagli altri con le gomme. L’obiettivo era di uscire davanti a Hamilton, ma non è andata e in questo modo abbiamo perso pure il secondo posto. A quel ponto non ero convinto di poter arrivare alla fine con gli stessi pneumatici e quindi ho dovuto pensare a gestirli perché una seconda sosta ci avrebbe fatto perdere troppo tempo. È stato un weekend in cui non abbiamo estratto il massimo da noi stessi”.

‘); }

hamilton — Il settebello di Singapore fa invece volare Hamilton, un serial winner che sale a +40 nel mondiale. “È stata una gara dura, ma ho avuto la spinta dei tifosi e del team che non ha mai smesso credere in me e Bottas – dice Hamilton – La partenza è stata ottima, ma poi non è stato semplice perché mi è sembrata la più lunga della mia vita, Verstappen ha lottato bene, mi ha dato filo da torcere, in un frangente difficile per un problema di traffico con i doppiati lui si è anche avvicinato, ma sono riuscito a uscirne al meglio. È un mese di settembre fantastico, non potevo sperare nulla di meglio”. Poi un passaggio sulla Ferrari: “Loro hanno lottato alla grande e non so come mai siano spariti in questo modo in gara”.


verstappen — Verstappen incassa il 2° posto e fa quasi dell’ironia con Hamilton: “Gara dura? Ma se controllavi il passo… Non è andata male, peccato per il primo giro quando Vettel mi ha passato, ma ci mancava come al solito velocità di punta. La strategia però è stata ottima e ho recuperato la posizione dopo: ho provato a seguire Hamilton, ma il 2° posto è il massimo possibile. Ho avuto piccoli intoppi alla ripartenza dai box, ma sono contento del risultato”.

 Gasport 

© riproduzione riservata